L’anno sta finendo. È il momento dei résumé. C’è una grande confusione sotto i cieli. In Libia si contrappongono, per interposta persona, cioè sulla pelle dei libici, la Turchia schierata a favore dell’inconsistente governo di al Serraj e l’Egitto che opera attraverso il generale tagliagole Aftar che ne è una propaggine. Su questo scacchiere sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mafie senza confini: serve cooperazione

prev
Articolo Successivo

Tutte le domande che non riusciamo a fare a Zingaretti

next