Khashoggi, cinque impiccati per “ripulire” il regime saudita

Per Amnesty “processo-farsa”; nessuna condanna per i killer vicini al principe Mbs

24 Dicembre 2019

Il medico forense dei servizi segreti sauditi, Salah al-Tubaigy, è tra i cinque condannati a morte a Ryad per l’omicidio e la sparizione dei resti del giornalista dissidente Jamal Khashoggi. L’uomo, che le cimici installate dalle autorità turche all’interno del consolato saudita di Istanbul avevano registrato mentre diceva di “essere abituato a sezionare le salme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.