Edopo i viadotti, i timori si spostano sulle gallerie. È nel buio dei trafori scavati tra le montagne campane, che si sviluppa il nuovo filone dell’inchiesta della Procura di Avellino sui sistemi di sicurezza e sulla qualità della manutenzione della rete viaria gestita da Autostrade per l’Italia (Aspi), controllata dall’Atlantia dei Benetton. Nei giorni scorsi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Patteggia il re dell’eolico: corruzione col consulente leghista Paolo Arata

prev
Articolo Successivo

Fca-Psa, luci e ombre della fusione

next