In queste sere la Capitale indiana, Delhi, è grigia, fredda, appannata dallo smog e anestetizzata dal traffico costante. A sovrastare il baccano sono gli slogan scanditi dai manifestanti che, da tre giorni a questa parte, protestano per tutta la città. Ad accendere la miccia di un’ondata di malcontento che ora tocca tutta l’India (e che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Soldatessa suicida. “Nessuno cura i depressi in divisa”

prev
Articolo Successivo

Musharraf, da leader anti al Qaeda alla pena di morte

next