Le turbolenze sopra il cielo di Ciampino, quelle che lo hanno costretto a ritardare l’atterraggio al rientro dal Consiglio europeo di Bruxelles, non le ha sentite. Dormiva, il premier Giuseppe Conte, piuttosto provato dalla trattativa sul fondo Salva Stati, finita con il rinvio che l’Italia voleva. Ma le altre di turbolenze, quelle che assillano la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Che discorso! Peccato l’abbia fatto proprio lui…

prev
Articolo Successivo

Mes: altro che “tradimento”, l’Italia rinvia tutto

next