Potrebbero salire a 3500 i lavoratori dell’ex Ilva di Taranto in cassa integrazione dopo la decisione del giudice Francesco Maccagnano che, rigettando la proroga di 9 mesi chiesta per ultimare la messa in sicurezza, ha sostanzialmente disposto che dal 14 dicembre vengano avviate le operazioni per lo spegnimento dell’Altoforno 2, l’impianto in cui nel 2015 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Romani e gli altri: la scialuppa anti B.

prev
Articolo Successivo

Ursula, scommessa verde dalla parte dell’industria

next