“Mamma, voglio fare l’istituto aeronautico”. Il mio centro di gravità permanente si sbriciola in un giorno feriale di fine autunno. Non certo per l’istituto aeronautico in sé, ovviamente. Ma perché ci mancava solo questa ad alimentare la confusione che a casa nostra regna sovrana dall’inizio dell’anno scolastico. La confusione ha le sembianze di una ragazzina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

L’alternativa alla liquidità: il buono per i 170 anni della Cassa depositi

prev
Articolo Successivo

“Dark Waters”: lotta civile contro l’azienda chimica

next