Sulle palazzine senza grazia della cittadella universitaria di via Pascoli batte una pioggia impietosa. Perugia sembra svuotarsi della propria storia mentre una ventina di intellettuali ne progetta una nuova per la nazione. “Etica pubblica”: così si chiama la rivista che il gruppo ha fondato e di cui discute missione e contenuti in questo umidissimo week […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Donne, violenza continua. “Il patriarcato tramonta, ma il nuovo modello arranca”

prev
Articolo Successivo

Salto in alto, Tamberi: “Nessuno mi fermerà”

next