Se per il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio, l’accordo sui confini marittimi siglato a Istanbul lo scorso 27 novembre tra il presidente Recep Tayyip Erdogan e il premier del governo di Accordo nazionale libico (Gna), riconosciuto dall’Onu e principale interlocutore dell’Italia, Fayez al-Sarraj, “è tutto da dimostrare”, per i due contraenti è cosa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Tu vuò fa’ l’ospedale americano

prev
Articolo Successivo

Trump, una telefonata ti accorcia la vita (politica)

next