Non vogliono chiamarlo esame di maturità, meno che mai “congresso” o “stati generali”. Ma la piazza delle Sardine di Roma, il prossimo 14 dicembre, non sarà come tutte le altre, e i primi a saperlo sono gli organizzatori. Il salto di qualità, perlomeno, è nei numeri: l’obiettivo, non più nascosto, è portare a San Giovanni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ravenna, la Romagna leghista si ritrova in un mare di Sardine

prev
Articolo Successivo

Asili nido, prima i bimbi più pisani degli altri: il nuovo criterio della giunta leghista

next