Un emendamento alla manovra con almeno venti modifiche che, tutte insieme, valgono 1,7 miliardi e che confermano l’annunciato – e oramai anche scontato – dietrofront sulle auto aziendali (già ampiamente ventilato, anche dal premier Conte) e sulla plastic tax (atteso ma rimasto incerto fino all’ultimo minuto): il governo lo ha depositato in commissione Bilancio al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Conte prova a smarcarsi da Trump su 5G e Web tax

prev
Articolo Successivo

Mes, non c’è intesa sulle banche: se ne parla a gennaio

next