E ora si ingrana la retromarcia: l’emendamento sul rinvio di un anno degli obblighi di trasparenza previsti per le fondazioni collegate ai partiti verrà depennato o riscritto dopo che sulla sua approvazione da parte dell’asse Pd-M5S-Leu è esplosa la polemica. Innescata dalle dichiarazioni al vetriolo di Matteo Renzi, da giorni sotto pressione per l’inchiesta sui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Manette agli evasori: via libera

prev
Articolo Successivo

Prescrizione, tutti per lo stop

next