È un bollettino di guerra. Non passa giorno che una donna, in qualche luogo, non venga uccisa dal marito, dal fidanzato, dall’amante, da un corteggiatore respinto, comunque da un uomo. L’ultima in ordine di tempo ieri mattina, alcuni giorni dopo la Giornata Mondiale contro il femminicidio, a Torino di Sangro (Chieti) dove Domenico Giannichi, 68 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Così in Cambridge Analytica si lavorava per non far votare”

prev
Articolo Successivo

David Rossi, graphic novel di un suicidio imperfetto

next