Oggi è già di ritorno. Direzione Roma, Città del Vaticano. È volato in Argentina per sole 48 ore, monsignor Gustavo Zanchetta, il vescovo emerito accusato da almeno due seminaristi di “abusi continui ed aggravati” dal suo status di ministro del culto. Si è presentato davanti alla giudice Maria Laura Toledo Zamora, nell’aula II del Tribunale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dopo i Gilet, a Parigi marciano i trattori

prev
Articolo Successivo

Dai crac bancari a San Pietro: si riclica pure Barbagallo

next