La complicata tela che l’amministratore delegato Fabrizio Salini era riuscito a tessere in queste settimane si è stracciata all’improvviso di fronte alle tensioni all’interno della maggioranza di governo. L’accordo sulle nomine Rai che avrebbe fatto partire il piano industriale ieri è definitivamente saltato e ora bisognerà ricominciare tutto da capo. Il nodo è su Mario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Ricerche mediche ‘aggiustate’, però la scienza tace

prev
Articolo Successivo

Regionali, anche in Calabria verso il no all’intesa col Pd. Ultimatum sulle restituzioni

next