Se si dovesse darle un nome sarebbe la “sindrome Morandi”. Una forma di stress post-traumatico con tutti i sintomi tipici: flashback, incubi ricorrenti, pensieri ossessivi, depressione e insonnia. Nell’anno successivo al crollo, stima l’Ordine ligure degli psicologi, sono in un migliaio ad aver avuto bisogno di assistenza perché coinvolti, direttamente o no, dal disastro. C’è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Gavio, Benetton in sedicesimo: stessi difetti, stessi mega-affari. Sette autostrade e manutenzione non sempre all’altezza

prev
Articolo Successivo

ArcelorMittal, via il manager che ha parlato con i pm

next