È divenuta la colonna sonora della ribellione dei giovani che riempiono le piazze da nord a sud del Paese e, immediatamente, Bella Ciao, viene considerato, seppure storicamente non lo sia, un canto comunista. Ma Bella Ciao non è “Bandiera rossa” e neppure “Fischia il vento”. Allora cos’è veramente? È il canto, simbolo della Resistenza dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Messina Denaro? Noi qui facciamo il vino…”

prev
Articolo Successivo

“Nata dalle mondine: è contro ogni invasore”

next