“Sciogliete le forze di polizia”. “Il popolo di Hong Kong grida vendetta”. “Un debito di sangue deve essere pagato con il sangue”. “Hong Kong è uno stato di polizia”. Sono alcuni degli slogan gridati durante la marcia dedicata a Chow Tsz-lok, 22 anni, studente. Per il movimento pro democrazia, Chow è il primo morto dello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Inácio Lula in libertà”. Lo dice la Costituzione

prev
Articolo Successivo

Parigi, il corteo sull’islamofobia ora imbarazza la gauche

next