La telefonata che ha fatto finire sul registro degli indagati con l’accusa di corruzione in atti giudiziari due commissari giudiziali su tre del concordato di Astaldi e cioè Stefano Ambrosini e Francesco Rocchi, in concorso con l’asseveratore, nominato dalla società, Corrado Gatti, è avvenuta il 4 febbraio 2019. Il professore di economia all’università di Roma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dietrofront di De Luca: non assume i navigator

prev
Articolo Successivo

Primi banchieri condannati Per Mps 7 anni a Mussari &C.

next