Poltrone

Cdp, il gelo tra M5S e Palermo per un posto nel cda di Tim

Di Maio voleva un avvocato milanese nel board dell’azienda: l’ad della Cassa, che deve il posto ai grillini, non s’è speso e invece ha avallato la nomina di Rossi, ritenuto Pd

30 Ottobre 2019

Crisostomo, chi era costui? Se lo deve essere chiesto anche il numero 1 di Cassa Depositi e Prestiti, Fabrizio Palermo, quando quel nome gli è stato proposto dall’azionista di maggioranza del governo, i 5 Stelle, per il cda di Tim, addirittura per il posto di presidente. La risposta, escluso il santo che fu vescovo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.