Quando scrissi Eugenio Scalfari e il suo tempo, lo presentò Antonio Gnoli – insieme con Concita De Gregorio e Giancarlo Bosetti – a Roma in Trastevere, ed ebbe parole lusinghiere; gli sono grato anche perché dopo ricevetti la telefonata dalla Mondadori con la proposta di curare il Meridiano dedicato al Fondatore. In verità ho lavorato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Droga, legalizzare è solo pericoloso

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Mora

next