Sembrava una vertenza in dirittura d’arrivo, invece il futuro per lo stabilimento ex Alcoa di Portovesme è nuovamente a rischio, e con lui il destino dei 130 lavoratori riassunti e dei circa 500 fra diretti e dell’ indotto che ancora attendono fuori dai cancelli della fabbrica, nel deserto industriale del Sulcis che proprio a partire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Berlino non insegna: nel mondo 170 muri

prev
Articolo Successivo

Mussolini e Salvini, due atei devoti: la fede come convenienza politica

next