Doveva essere un anno glorioso per Matera e, invece, rischia di concludersi tra polemiche e malumori. Poco rimane del giubilo per la designazione nel 2014 a Capitale europea della cultura 2019. E quei danni alle tegole e ai comignoli di alcuni edifici storici per “colpa” dei freerunner non autorizzati durante l’evento Red Bull Art of […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Da Twitter a Twitch: così si è evoluta la specie (social)

prev
Articolo Successivo

“Ombudsman”, confessionale dei poliziotti russi disperati

next