La guerra delle licenze per il gioco d’azzardo, in Kenya, è cominciata con una fake news: “Il vicepresidente Ruto ha quote nascoste dentro BetIn”, si leggeva mesi fa sulla stampa locale. I documenti ufficiali forniti dalla società al Fatto Quotidiano smentiscono questa versione. BetIn, infatti, risulta principalmente italiana. Gamcod Ltd, proprietaria del marchio, per il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Gambling, kenya: nuovo paradiso dell’azzardo per morti di fame

prev
Articolo Successivo

Come nell’era Pinochet “Esecuzioni e retate: è il Cile degli anni 70”

next