Giovedì scorso, il generale Alberto Manenti, capo dell’Aise (i servizi segreti esterni) ai tempi di Marco Minniti e artefice degli accordi del 2017 con il governo provvisorio libico, è andato al Viminale con l’ambasciatore di Libia a Roma. Ha incontrato il ministro degli Interni, prefetto Luciana Lamorgese, e secondo alcune fonti anche il sottosegretario M5S, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Sandrò Gozì resti transnazionale

prev
Articolo Successivo

Delrio in Antimafia: “Mai fatto comizi a Cutro”

next