Si rientra nel vivo della nomina delle nomine al Csm, quella del procuratore di Roma che 5 mesi fa ha scatenato un putiferio istituzionale e giudiziario con 5 togati costretti a dimettersi così come il Pg della Cassazione Riccardo Fuzio, indagato a Perugia per rivelazione di segreto a Luca Palamara, pm sospeso perché accusato di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Bancarotta, i genitori di Renzi rischiano un altro processo

prev
Articolo Successivo

Cade il Mondo di Mezzo: “Non era Mafia Capitale”

next