Inizia in questi giorni alla Camera la discussione per l’approvazione del ddl della cosiddetta “legge salvamare” che, in sostanza, si occupa di due questioni: i (tanti) rifiuti che restano accidentalmente impigliati nelle reti dei pescatori e le campagne di pulizia delle acque dai rifiuti. Ma il suo testo, pur prescindendo da considerazioni giuridiche, andrebbe snellito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Nove, la fabbrica della Petrini che demolisce le fake news

prev
Articolo Successivo

Ma davvero ri-ri-rivolete voi Matteo Renzi?

next