Piazza Castello, 24 giugno 2018: è la festa di San Giovanni, la notte dei fuochi d’artificio, una solida tradizione torinese. Per la prima volta nella storia della città però nemmeno un fischione: di fronte al Palazzo Reale si alzano in cielo duecento piccoli apparecchi luminosi. Sono droni. Volano in perfetto sincronismo, compongono figure fluorescenti: un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’ex socio di babbo Renzi e l’appalto delle Poste

prev
Articolo Successivo

Umbria, i giallorosa con le mani avanti: “Non è test su di noi”

next