Diversamente da quanto si potrebbe pensare, il conflitto nordirlandese non si può considerare acqua passata. E non stiamo parlando dei murales, graffiti e bandiere che ornano tuttora le strade di Belfast. Né parliamo del muro che divide le comunità cattoliche nazionaliste da quelle protestanti unioniste e che attraversa ancora alcune zone della città come una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fratelli d’Italia e di loggia: il migrante massone ora si candida con la Meloni

prev
Articolo Successivo

L’arte finisce come la Rai: nelle grinfie della politica

next