La fila di famiglie curde che lasciano la Siria, le loro case, il futuro che sognavano di radicare nelle terre del Rojava, fa rivivere a Namo Abdulla il viaggio che fece lui stesso quasi trent’anni fa. Allora l’Iraq non era il posto dove cercare rifugio, ma da cui fuggire. Namo, nato nel 1987, l’anno del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Alitalia, Whirlpool e Ilva: il governo faccia il suo dovere

prev
Articolo Successivo

Il silenzio delle nostre imprese sulla guerra vale 2,6 miliardi

next