La “pausa” di 120 ore nel nord-est della Siria scattata ufficialmente ieri mattina, è stata subito violata dall’esercito turco, secondo i responsabili delle Unità curde di Protezione del Popolo (Ypg) e dai media internazionali in loco. Al telefono dalla zona di confine in territorio siriano, Nasreen Abdallah, comandante dell’ala militare femminile del Ypg, ha spiegato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La compravendita di BoJo per il sì al “deal”

prev
Articolo Successivo

“Danneggiate le relazioni tra Italia e Turchia”

next