Non solo nomine politiche in cambio di mazzette, ora l’inchiesta sul tangentificio Lombardia si allarga al ricchissimo settore della sanità. Sul piatto della Procura ci sono minacce, conflitti d’interessi e nomine politiche che non riguardano, come da copione, i direttori generali, ma addirittura i capi dei vari dipartimenti, cioè i primari. Il quadro viene raccontato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mafia Capitale, il legale Naso ribadisce: “Solo un processetto”

prev
Articolo Successivo

Interista ucciso, la Digos batte l’omertà

next