Nel disastro dell’Ilva ogni tassello torna al suo posto, componendo il grande inganno che da anni si consuma su quello che fu il più grande polo siderurgico d’Europa e sui suoi 13 mila dipendenti. Politici, manager e burocratici sono gli attori della commedia. Ieri, ArcelorMittal, il colosso franco-indiano che a giugno 2017 ha vinto la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

A sei miglia dall’Italia, nessuno li ha salvati

prev
Articolo Successivo

“Ankara è la sola responsabile: stop a export di armi”

next