Kirkenes, paesino di 3mila abitanti nell’estrema parte Est dell’artico norvegese, sogna di diventare la Rotterdam del Nord. A causa dello scioglimento dei ghiacciai, che gli studiosi annunciano entro il 2040, secondo i piani del governo norvegese, Kirkenes potrebbe diventare il porto d’arrivo di una nuova “Via Polare della Seta”, che partendo dalla Cina, passando dallo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ecco la diplomazia del debito. Le ombre sulla via della seta

prev
Articolo Successivo

La lotta contro il nero e la moralità dello Stato

next