Prima tutte le strade portavano a Roma. Oggi, a Pechino. Nel 2013 l’impero di Mezzo, attraverso il suo ambizioso presidente Xi Jimping, annunciava il più grande piano d’investimenti della storia, la nuova Via della Seta o Bri (Belt and Road Initiative): 40 miliardi di dollari per nuove vie commerciali ai prodotti cinesi, a cui se […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un terminal alla volta: il dominio di Pechino nei porti dell’Europa

prev
Articolo Successivo

Il paesino del Nord che segna la strada polare dall’Oriente

next