La “gioia” dei francescani di Assisi (vedi scheda in pagina) consente, più di molti commenti, di cogliere la portata del Nobel per l’Economia ad Abhijit Banerjee, Esther Duflo e Michael Kremer, distintisi per il loro “approccio sperimentale per alleviare la povertà globale”. L’orientamento dell’Accademia reale svedese sembra così avallare una tendenza da parte del pensiero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il ritorno che non è un’alba: De Benedetti e la guerra ai figli

prev
Articolo Successivo

Vertice di Libra: anche Booking lascia la valuta di Facebook

next