Idissidenti 5 Stelle sono ormai una sorta di topos letterario. Ne esistono tre categorie. La prima, di sicuro la più avvilente, ma anche la più rilevante numericamente, è quella che chiameremo “sfollati di se stessi”. Carneadi senza arte né parte, irrilevanti e spesso patetici, non hanno doti politiche e nessuno si accorge della loro esistenza. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

Autonomie. L’incomprensibile strappo che abolisce la dicitura Alto Adige

next