Chissà se anche stavolta Carlo De Benedetti si è detto almeno tra sé, prima di iniziare questa guerricciola familiare attorno al corpo debilitato del quotidiano La Repubblica e del resto del gruppo Gedi, il suo celebre “sono venuto a suonare la fine della ricreazione”. Va detto che l’altra volta, era il 1988, non gli andò […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il fiume Sarno è grave, ma si può salvare

prev
Articolo Successivo

Ora la lotta contro la povertà vince il Nobel dell’Economia

next