L’istanza di fallimento della compagnia Moby, presentata da fondi di investimento che detengono il bond da 300 milioni di euro emesso nel 2016 in Lussemburgo, è stata respinta mercoledì scorso dal tribunale di Milano che, però, ha ‘suggerito’ alla società l’avvio di una procedura formale (concordato o ristrutturazione del debito) per superare la “crisi evidente”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bekaert avvia i licenziamenti. Operai di nuovo abbandonati

prev
Articolo Successivo

Sta arrivando il catto-fascismo

next