“La candidata proposta da Emmanuel Macron non offre né la garanzia d’indipendenza né quella d’integrità che il Parlamento Ue esige da chi dovrà ricoprire il ruolo di commissario. Non siamo più la Camera che si limita a registrare le decisioni di capi di Stato ed esponenti della Commissione”. Manon Aubry è capo-delegazione de La France […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Goulard bocciata, schiaffo a Macron che attacca Ursula

prev
Articolo Successivo

La domenica di Cairo: l’incontro con Silvio e l’idea della “discesa”

next