Il contenuto del cellulare di Tiziano Renzi, sequestrato il 3 ottobre, potrebbe non interessare solo la Procura di Firenze. Ma anche quella di Roma, dove il padre dell’ex premier è ancora sotto inchiesta in uno dei filoni dell’indagine Consip, accusato di traffico di influenze. I pm però hanno chiesto l’archiviazione, rigettata per ora dal Gip […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ucraina, il testimone Volker inguaia Donald

prev
Articolo Successivo

Il mutuo di Siri e l’uomo del Metropol: anche Salvini è appeso a pc e smartphone

next