Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha le idee chiare: “L’unica pena che non finisce mai è quella che sono costretti a soffrire i familiari delle vittime della mafia”. E per questo ritiene “non condivisibile” la decisione della Cedu che ha chiesto invece al nostro Paese di modificare la legge sull’ergastolo ostativo che impedisce a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Soru smentisce l’incarico dei sardoleghisti “Solo audizioni”

prev
Articolo Successivo

Csm: c’è Di Matteo. Ma vince l’asse Ferri&Palamara

next