Le bombe dall’esercito turco piovono da ieri sulla Siria settentrionale a est del fiume Eufrate, dove abita la maggior parte della popolazione di etnia curda, circa 3 milioni di persone. Ieri la Turchia, come previsto dopo la assurda decisione del presidente Trump di tradire gli alleati curdi e dare il via libera ad Ankara, ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pietro Nissim: “Mi ricorda l’attentato del 9 ottobre a Roma”

prev
Articolo Successivo

Siria, la passione italiana di armare Ankara: “In 4 anni autorizzati 890 milioni di euro di forniture”

next