Ogni anno la corruzione in Italia fa bruciare decine di miliardi di euro, brandelli di prodotto interno lordo, le stime variano con un po’ di confusione, a volte si gonfiano, altre si sgonfiano, però la corruzione, malefica, permane. Eppure la nomina del presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) – con il rientro di Raffaele Cantone in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

È morto Penati: da sindaco di “Stalingrado” ai guai giudiziari

prev
Articolo Successivo

Piovono soldi pubblici sull’azienda di Marcucci

next