Email di minacce di morte, 25 telefonate al giorno di insulti, pedinamenti fino a casa, foto della targa della macchina pubblicata sui social. Da quando è esplosa l’inchiesta “Angeli e Demoni” per gli assistenti sociali della Val d’Enza ogni giorno di lavoro è diventato un incubo. Al punto che oggi gli incontri più a rischio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Alpi-Hrovatin, armi e Gladio: la pista che porta a Rostagno

prev
Articolo Successivo

Iraq, terra senza pace. “Vi racconto la lotta per la sopravvivenza”

next