L’Associazione vittime del dovere, a fronte del prossimo pronunciamento della Grande Camera (Grande Chambre), intende proporre alcune riflessioni in merito alla posizione assunta dalla Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) in relazione al ricorso presentato da Marcello Viola, ergastolano condannato per associazione mafiosa, omicidi e rapimenti, in prigione da inizio anni Novanta, il quale sostiene […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Chi li conosce lo sa: solo il carcere a vita terrorizza i mafiosi”

prev
Articolo Successivo

I Graviano e quel provino nel Milan grazie a Dell’Utri

next