La sposa è già sposa dal giorno in cui l’uomo la chiede in sposa. L’uomo da quel giorno è un soggetto finito. O almeno questo è ciò che accade tra i padiglioni di “Roma Sposa”. Donne, ragazze, ragazzine, mamme, amiche, amiche delle mamme, lontane parenti, forse anche donne conosciute all’ultimo, non importa, conta la presenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La svolta jihadista dell’impiegato modello

prev
Articolo Successivo

“Pure Maria Antonietta fu vittima di bullismo”

next