Le proteste di piazza contro la gestione della cosa pubblica da parte del governo iracheno, iniziate a Bassora, hanno raggiunto nei giorni scorsi la capitale, Baghdad, dove la polizia ha reagito in modo violento uccidendo molti manifestanti. Ieri è stato registrato un numero di vittime ancora più alto a Nassirya, circa 40 persone sono rimaste […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Post-Bibbiano, minacce e insulti agli operatori

prev
Articolo Successivo

Il baratto ucraino della pazza Casa Bianca di Trump

next