Le distanze al momento restano siderali. Ma il ministro della Giustizia, il Cinque Stelle, Alfonso Bonafede non ha alcuna intenzione di posticipare l’entrata in vigore, il prossimo 1º gennaio, della riforma che impone lo stop alla prescrizione. Come invece chiede a gran voce il Pd che si dice strapronto a collaborare per accorciare i tempi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I Graviano e quel provino nel Milan grazie a Dell’Utri

prev
Articolo Successivo

Così parla il Pd: “Sfregio alla Carta”. “È Stato di polizia”

next