In principio era un non partito, anzi una “non associazione” con un “non Statuto”. Una rivoluzione, da scatenare senza soldi, strutture, alleati e con un pugno di regole. Dieci anni dopo, il Movimento ha un capo politico, gerarchie, norme, cavilli e fondi da versare. Un partito magari ancora un po’ meno partito degli altri, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Deputati fate presto, a Siena serve la verità su David Rossi e Mps”

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next